Skip to content

Online e offline: davvero cambia qualcosa?

17 ottobre 2008

Sono pensierosa in questo momento, sono stanca dopo la giornata di lavoro e la settimana alle spalle, il tempo fuori fa schifo e nel mio poco tempo che ho mi collego. Visito il mio blog, leggo i vostri commenti, leggo altri colleghi di blog, la posta e poi…non manca mai la capatina al forum al quale sono iscritta da diverso tempo.

Forse il nome subito subito vi farà pensare a argomenti un po’ stupidotti (non me ne voglia la admin), ma invece non è cosi’. Siamo in tanti, un bel gruppetto, di tutte le età, tante esperienze, tante teste e tanti nick. Ma non ci si ferma solo a quelli, dietro ci sono sorridi, emozioni, grandi persone e altre un po’ meno. Ad alcune ci si affeziona ad altre no, con alcune si condividono pensieri, con altre ci si discute. 

Il forum è un mondo che non è a parte, non è distaccato dalla realtà, è una trasposizione di essa in una porzione di vita online. Ma sempre di vita si tratta. Siamo noi, nascosti o meno da un nick siamo noi. Alcuni fingono, altri no. Qualcuno forse giocherà e fingerà, ma chi ha voglia di entrare in un forum sente il bisogno di esprimersi e di essere ascoltato.
Non è in vetrina la tua foto o il tuo fisico, la parte interiore la fa da padrona ed è questo quello che conta. In un forum ci si può esprimere senza alcuna fretta ed è questo il bello. Deve essere un momento di svago, un passatempo ma che spesso si rivela un covo di astio.

Di questo forum ne ho già accennato in un precedente post:  Amicizie: da virtuali a reali . Sono iscritta da diverso tempo, circa 2 annetti se non erro e ne sono moderatrice. Ci sono entrata per gioco e per caso e poi, piano piano mi ci sono affezionata. In alcuni momenti morti, quando il forum stava subendo un po’ di crisi mi sono data da fare, insieme ad altre persone ( per me le + care), ho proposto un sacco di nuovi topic, prendevo iniziativa, moderavo i pensieri troppo accesi e eliminavo la spam di alcuni stupidi.
Mi hanno dato un piccolo incarico e nel mio tempo libero cercavo di rendere il massimo. Quando cerchi di dare tanto poi ti ci affezioni e se poi conosci dal vivo alcune di queste persone inizi a tenerci ancora di più. Tra l’altro sono una che ama sentire anche l’opinione degli altri, cosa pensano, come si esprimono… penso possa rivelare molto di una persona.

Ci sono tante sezioni che spaziano su svariati argomenti: attualità, sport, musica, cinema, amore, amicizia, sesso, una sezione off topic per parlare di cio’ che si vuole. Di tutto di più. Ci sono argomenti divertenti, alcuni banali, altri stupidi, altri invece molto interessanti e seri. Ecco in questi spesso nasce dell’astio.
Non si puo’ affrontare un discorso di una certa rilevanza che nascono dei battibecchi. Soprattutto se si parla di politica.
Odio la politica, troppo complessa, incasinata, incomprensibile per intero. Ci prende tutti e ci scaravolta in una voragine infinita. Come nella vita reale ci sono persone che hanno pareri constrastanti, uno pensa A, l’altro B, un altro ancora C e l’ultimo ABC. Su questo tema che inizialmente viene affrontato in modo pacato, piano piano prende una nuova forma e si alzano i toni; da un articolo di giornale di un determinato caso si passa al razzismo, al federalismo, destra vs sinistra, nord vs sud, terroni vs polentoni. Nasce cosi’ un putiferio.

Io non sono cosi’ esperta come alcuni, leggo si, non faccio parte di alcun schieramente ma mi informo. Apprezzo chi sostiene certe idee e SA MOTIVARLE. Nel forum come nella mia vita. Genitori, parenti, amici, nemici. Ognuno ha un’idea e non importa il luogo dove le manifesta, esso le dirà punto e stop.

Ora sono qui a scrivere tante parole che forse in pochi leggeranno, ma sono un po’ giù. Un passatempo, una distrazione carina come il forum a volte si rivela come la fonte di smaronamento totale. Entri con curiosità e tranquillità, esci incavolato per 3. E non va bene.

Per questo sostengo che sia sbagliato dire che il forum è qualcosa distaccato dalla realtà. Fa parte di essa in uno spazio differente. Siamo sempre noi. Non visualizziamo una panchina, un giardino, delle figure ma in ogni caso le persone ci sono lo stesso e sono pronte a esprimersi. Forse qualcuno ti ascolterà, ti crederà, ti vorrà bene o ti odierà. Di sicuro è reale come lo siamo noi. E di certo lo smaronamento che poi ti viene te lo porti dietro nella vità off line. Se spegni il pc non spegni di certo l’umore!

Annunci
One Comment leave one →
  1. 18 ottobre 2008 8:08 am

    Affezionare con una sola z, sei peggio di una bolognese… ;-)

    Battute/verità a parte, quoto Sel86 nel punto dove ognuno dovrebbe motivare la sua idea: nella vita quotidiana spesso senti motivazioni con la conclusione “ed è csì e basta”.

    Io ho deciso di non accontentarmi più dell’ “e basta”, voglio scoprire, indagare, parlare delle mie passioni e condividere gioie e dolori: ecco com’è nato il mio blog.

    Per molti i miei articoli sono voli pindarici, mio padre le definisce “fantasie inutili, problemi in più”, per me è la mia valvola di sfogo.
    Non mi basta andare in palestra, incontrare amici e sollevare qualche peso: devo svuotare la testa.

    A volte capita, come qualche giorno fa, che qualche coglione (mi scuso per i genitali maschili ;-) ) venga e ti rovini la festa, denunci a destra e manca, faccia il saputello e ti rompa le palle ma fa parte del gioco.

    In compenso quando ricevo commenti del tipo “mi hai emozionato, era molto bello…” e così mi si riempie il cuore. Io scrivo per dare colore, musica e tridimensionalità ad una vita che spesso non ne offre.

    Di sicuro posso affermare che si stancheranno prima i miei detrattori di me: il blog, aperto e avviato da due mesi, conta una media di 30/40 visite al giorno.

    Poche, direte voi, ma per me sono più importanti dei 1000/2000 frequentatori di siti più grandi e impersonali. Io gestisco una piccola community, chiamiamola così ;-) .

    Io conto sull’affetto quotidiano e sulle visite che ricevo dai miei fan, non mi serve altro.

    Al prossimo articolo, allora: oggi vi segnalo due articoli sull’amore, uno finito e l’altro ricordato ( http://cobain86.wordpress.com/2008/10/18/lei/ e http://cobain86.wordpress.com/2008/10/17/promessi-ex-parte-2/ ).

    Marco ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: